Pappa freedom

Come in tutto, la Piccolina si è presa il suo tempo. Ma ora, finalmente, dopo quasi due anni di pappe col passato di verdura e la pastina, ha imparato ad apprezzare il cibo solido, coi suoi sapori distinti da gustare masticando e la consistenza adatta alla forchetta o al cucchiaino da maneggiare con soddisfazione.

Così, dopo un totale di quattro anni netti di verdure da pulire, tagliare, far bollire e poi frullare, dopo un numero approssimativamente vicino a 3000 di dosi di passato di verdura preparato al massimo ogni tre giorni, cioè più di 500 volte, sono libera.
Libera dal frullatore, libera di pensare ad un unico menu che possa accontentare tutti, libera di calcolare i tempi di cottura della nostra cena senza tenere d’occhio la pastina nel pentolino in modo che venga pronta dieci minuti prima, libera di dimenticarmi di comprare le patate e le carote, libera di guardare la Piccolina che si gusta una pastasciutta e poi il pollo con la peperonata oppure un risotto col pesce e le zucchine e poi il polpo con le patate insieme a tutti noi.

Ho imballato la carrozzina e la culla per la cantina con le lacrime agli occhi, mi separo dai vestitini passati di misura con una fortissima nostalgia, ma dallo svezzamento no. Da quello mi libero con sollievo. Sono sicura che non mi mancherà.

15 Thoughts on “Pappa freedom

  1. mammaemigrata on 17 settembre 2009 at 09:33 said:

    io già con Pacifico apprezzo i piatti che può mangiare insieme a noi, e non vedo l’ora di poter anch’io preparare un menu senza dover pensare “ma se faccio questo non va bene per lui” oppure “non faccio bistecche perchè non mi va di frullarle”… ti capisco, è una vera liberazione!

  2. La puledrina il cibo solido lo mangia da tempo, ma ha i suoi gusti e spesso occorre comunque modificare il menù, ma sinceramente non è quello che mi pesa. Mi pesa doverla ancora imboccare!! è una grande mangiona ma da sola combina veramente poco! Penso che le cosa cambieranno tra 6 mesi!!!

  3. Che bellezza! Io, madre snaturata, ho archiviato tutte queste cose senza una lacrima…mi dà un senso di sollievo vedere che crescono e diventano sempre piu’ autonomi!

  4. oh, sì, stanne certa … dello svezzamento non avrai mai nostalgia!!! e tu, appunto, lo sai bene!
    credo sia uno dei momenti più stressanti per una mamma, sia se va bene ( il bimbo mangia ), sia se va male.
    mio figlio ha cominciato presto a mangiare come noi : 11/12 mesi … però i 5/6 mesi precedenti sono stati una bella prova di pazienza!

    un abbraccio, paola

  5. Credo che sia una gran bella cosa! Senza considerare il risparmio di tempo e anche denaro, perché preparare a parte è sempre un bagolo.

    Noi abbiamo iniziato da un mesetto, ma siamo già alla fase di “assaggio” dalla tavola e apprezza già i pezzettini!

    Io comunque il brodo lo faccio ogni 10-15 giorni e congelo le porzioni, e le verdure già frullate a parte ^^

  6. Ti capisco. Ho provato la stessa cosa quando mi sono liberata del latte in polvere e dei suoi misurini. Sono tappe.
    I vestitini fuori misura mettono anche a me parecchia nostalgia.

  7. Bene, leggo che tutte vediamo di buon grado l’autonomia a tavola.
    A presto allora per una pizzata coi cuccioli? 😉

  8. Ah beh, Ari mangia già di gusto la crosta della pizza, si può fare ^^

  9. valewanda on 18 settembre 2009 at 22:45 said:

    bene, sono contenta per te, ho presente le menate, con i gemelli facevo quintalate di brodo di verdure, non ne potevo più…

  10. Valewanda, ciao. Posso solo immaginare… dose doppia di tutto!

  11. invidia grande invidia. In realtà qualcuno che conosciamo ha adottato il metodo “io mi svezzo da solo” ma quando ci ho provato la pulce era piuttostoo dubbiosa… magari un giorno ve lo racconto. per intanto… lavo, sbuccio, taglio, sobbollo, frullo, congelo… e lavo, sbuccio, taglio, sobbollo …. uff! a presto, s.

  12. Comprensione ai massimi livelli. Ogni volta che mi libero delle tappe temporanee faccio una danza di liberazione. E nel mondo cibo è una libidine!

  13. Io ho avuto più fortuna con lo svezzamento del mio piccolo…. ma non lo rimpiango comunque.

    Le lacrime, quelle sì. Ho da poco portanto in cantina il lettino con le sbarre e riordinato una serie di vestitini ormai troppo piccoli… ti capisco benissimo.

  14. Silvietta: qui nessuno si è svezzato da solo (anzi, abbiamo sempre seguito la rigida introduzione degli alimenti uno alla volta e distanziati di tre giorni… un’eternità esaurire gli ortaggi!), però almeno i primi due hanno cominciato un po’ prima a mangiare come noi. Ti auguro di cavartela in un tempo ragionevole 🙂

    Mamma Cattiva: ecco cosa ho inscenato davanti al seggiolone… una danza di liberazione!!! 😀

    Renata: anche per me coi primi due è stato più facile. Questa Piccolina mi sta dando tutto il tempo di rassegnarmi ad archiviare l’era dei bebè…
    Ma per te faccio il tifo che ci sia una prossima volta 🙂

Rispondi

Post Navigation